Università Telematiche, cresce ancora l’interesse degli studenti: nel 2024 già il 59% in più di richieste per i corsi online

Giu 25, 2024 | Comunicati Stampa

[ATENEIONLINE] Studente

Con l’anno accademico appena concluso e gli esami di maturità in corso, studenti e studentesse guardano a settembre e al loro futuro percorso formativo – sempre più online: a dimostrarlo è l’incremento delle richieste di informazioni sui corsi delle Università Telematiche (cresciute del 59% rispetto all’anno scorso), che si somma all’aumento del 39% delle iscrizioni ai corsi di laurea online registrato nella prima metà del 2024.

A tracciare i trend dell’interesse degli studenti per l’anno accademico che avrà inizio il prossimo autunno è l’analisi condotta da AteneiOnline, il servizio di orientamento e immatricolazione che accompagna gli studenti nella costruzione del percorso formativo presso le Università Telematiche riconosciute dal MUR.

L’aumento di iscritti e richieste di informazioni che registriamo anno dopo anno nei confronti delle Università Telematiche dimostra prima di tutto un cambio di paradigma verso l’istruzione a distanza. Le Università Telematiche sono sempre più inclusive e offrono corsi di alto livello grazie alla capacità di adattarsi rapidamente a un mondo del lavoro in continua evoluzione”, spiega Matteo Monari, Founder di AteneiOnline. “Dalla nostra analisi emerge inoltre un abbassamento dell’età media degli iscritti, che dimostra come l’istruzione a distanza sia sempre più percepita come una valida e solida opzione formativa da tutti quei giovani che vogliono conseguire un titolo di studio universitario”.

Si abbassa l’età media degli iscritti alle Università Telematiche 

Comparando le iscrizioni gestite da AteneiOnline nel primo semestre del 2024 con quelle dello stesso periodo del 2023, si nota come l’età media degli iscritti sia scesa di oltre 1 anno, passando da 34,4 a 33,1 anni. In particolare, oltre la metà degli iscritti (53%) è under 30, mentre nello stesso periodo dell’anno precedente questa fascia di età rappresentava il 44% degli iscritti. 

Il dato mostra un cambiamento nella percezione dello studio online e nel bacino di fruitori cui questo si rivolge: le Università Telematiche stanno guadagnando una posizione centrale nella formazione terziaria, e – con una platea che si avvicina a questo tipo di istruzione costantemente più giovane – rappresentano una possibilità concreta all’interno del percorso formativo di neodiplomati e giovani professionisti.  

Le facoltà più gettonate

Se l’aumento di iscritti alle Università Telematiche nel primo semestre del 2024 riguarda in modo trasversale tutti i percorsi formativi, AteneiOnline registra un particolare interesse per alcune facoltà. Al primo posto c’è Psicologia, scelta dal 19% degli iscritti gestiti da AteneiOnline (in crescita rispetto al 17% dello scorso anno), seguita da Ingegneria (13%) ed Economia (11%). Sul fondo della classifica ci sono invece Comunicazione e Scienze Politiche, entrambe con il 3% di iscritti sul totale gestito da AteneiOnline

Il podio viene confermato anche considerando le richieste di informazioni in vista del nuovo anno accademico giunte allo Sportello Orientamento di AteneiOnline da parte dei futuri studenti: in questo caso Ingegneria e Psicologia raccolgono entrambe il 13% di manifestazioni di interesse, mentre Economia l’11%. Fuori dal podio, è forte invece l’attenzione per gli studi in Nutrizione e Scienze della Formazione (entrambi al 7%). 

Digital Marketing, AI e Data Science: i corsi emergenti delle Università Telematiche 

Tra i punti di forza degli Atenei Telematici c’è la struttura smart e agile, che consente loro di essere più reattivi rispetto alle richieste del mercato del lavoro e di aggiornare rapidamente le proprie proposte formative. Tra queste, i corsi innovativi dedicati a Digital Marketing, Intelligenza Artificiale, Data Science, Cybersecurity, Programmazione e Droni  segnano – secondo AteneiOnline – una crescita di richieste del +50% rispetto al 2023.  

Le lauree più richieste dal mercato del lavoro 

I dati sull’interesse degli studenti verso le Università Telematiche registrati da AteneiOnline riflettono appieno le necessità del mondo del lavoro dei prossimi anni: secondo le stime di Unioncamere, gli indirizzi con placement più forte riguardano e riguarderanno – tra gli altri – l’ambito economico-statistico, ingegneristico, giuridico, politico-sociale e formativo

Nel dettaglio, si prevede che il mercato italiano cercherà nei prossimi anni circa 47.100 giovani laureati in ambiente economico-statistico e 38.500 ingegneri, ma anche 27.550 formati nel settore giuridico e politico-sociale. Spazio infine agli operatori della formazione e agli insegnanti, per i quali la richiesta si attesta su 43.550 figure

I numeri raccontano un mercato del lavoro attivo per figure professionali con una formazione terziaria: nel prossimo quinquennio si prevede che questo tipo di professioni andranno a soddisfare il 38% del fabbisogno occupazionale complessivo, con un’aspettativa in aumento per figure dirigenziali, specialistiche e tecniche (41% del fabbisogno totale) – figure che le Università Telematiche stanno già oggi contribuendo a formare in maniera significativa. 

Comunicato stampa di Press Play per AteneiOnline